Valletta

REGIONE

Malta Xlokk

 

ABITANTI

Circa 7.000

 

 

 

SUPERFICIE

1 km2

 

La città

Attrazioni

Valletta, capitale di Malta e Sito UNESCO del Patrimonio Mondiale fu fondata nel 1566 dai Cavalieri Ospitalieri.

E’ una delle più sofisticate micro città con un intenso concentramento di architettura barocca ed una linea difensiva di fortificazioni che non è seconda a nessuno.

La città è situata sulla costa settentrionale su di una penisola rocciosa che sorge tra due ampie insenature in cui sono situati i porti della città: Porto Grande e Porto di Marsamuscetto.

E’ il maggior centro commerciale e finanziario dell’isola ed è la sede permanente del Governo maltese.

La città contiene numerosi edifici di rilevanza storica: il più conosciuto è la concattedrale di San Giovanni, precedentemente chiesa dei Cavalieri, ma vi si trovano anche il Palazzo del Grande Maestro, che oggigiorno ospita gli uffici del parlamento Maltese, le fortificazioni per la difesa della città, il forte di Sant’Elmo e il Museo di Belle Arti.   Si può fare una passeggiata per ammirare la magia della capitale fortificata, le mura del bastione, i densi ammassi di edifici in pietra calcarea usurati, i balconi in legno, e le Chiese imponenti.

Valletta ospiterà il titolo di Capitale Europea della Cultura nel 2018.

Gastronomia

La cucina spazia tra i sapori dei sui piatti tipici: la bigilla (impasto di fagioli). gli involtini di carne cotti in vino rosso (bragioli), la zuppa di pesce (aljotta). Da assaggiare, soprattutto in estate l’ hobs biz-zej, un popolare stuzzichino preparato con spesse fette di pane maltese sfregate con pomodoro e insaporite da menta, cipolla, formaggio di capra e acciughe, il tutto condito con un delizioso olio di olive verdi.

Nelle fredde serate invernali invece domina la tavola una densa zuppa di verdure servita con olio e pane maltese.

Durante le feste estive padronali non mancano mai i dolci: imqaret (dolce ai datteri), Qubbajt (torrone) da gustare durante i fuochi d’artificio e le processioni.

Imqaret

Cosa

Come

PER L'IMPASTO

650g di farina e 175g margarina

85 gr zucchero e 1 uovo (battuto)

1 cucchiaino di lievito in polvere

Un pizzico di spezie miste

PER IL RIPIENO

 360 gr datteri (snocciolati e tritati grossolanamente)

Scorza di 1 arancia (finemente grattugiata)

3 cucchiai di acqua

Liquore d’anice e Acqua di fiori d’arancio

Un pizzico di cannella in polvere

Un pizzico di chiodi di garofano

Strofinare la margarina nella farina quindi aggiungere lo zucchero, le spezie miste, e mescolare bene. Amalgamare il composto con l’uovo e l’acqua per ottenere un impasto e lasciare riposare per 30 minuti. Preparate il ripieno mettendo in un pentolino i datteri, scorza d’arancia, un pizzico di chiodi di garofano, la cannella e l’acqua in una casseruola e cuocere a fuoco lento. Mettere il composto in una ciotola e cospargere con liquore all’anice. Stendere una striscia di pasta larga 10 cm. Mettere il composto di datteri lungo tutta la metà della lunga striscia d’impasto, spennellare le estremità con l’acqua, e ripiegare per racchiudere il ripieno di datteri. Premere bene i bordi. Tagliate diagonalmente la sfoglia in pezzetti lunghi 5 cm e immergere a friggere in olio bollente.